Novità sulla nuova generazione NVIDiA RTX serie 40 e la nuova carenza della serie 30

COME SARÀ LA PROSSIMA GENERAZIONE DI SCHEDE VIDEO?
Ada Lovelace e Grace Hopper
Lovelace e Hopper sono le 2 architetture che si rincorrono per la nuova gamma di schede grafiche mentre ancora oggi si fatica ad acquistare la serie 30. Un clamoroso bivio per la prossima generazione, ancora in bilico proprio fra le due architetture.
Da una parte troviamo Lovelace con il chip AD102, dall’altra invece Hopper e la GPU GH202.
Molte delle prossime mosse di NVIDIA, saranno decise in funzione dell’avversario storico AMD e delle prestazioni delle schede RDNA3.
La scelta, qualora le prestazioni di Lovelace non fossero sufficientemente all’altezza, ricadrebbe sul chip GH202. Questo chip, dovrebbe fornire più del doppio dei Cuda Core della serie 30 e l’intero progetto Hopper dovrebbe condurre a un’efficienza energetica mai vista, con prestazioni addirittura triplicate rispetto alle migliori soluzioni Ampere. Anche se c’è ancora qualche dubbio sulla stabilità e per questo si preferirebbe continuare sullo sviluppo con Lovelace per fare poi il salto di qualità con la successiva serie (RTX 5000).Quindi il chip AD102, la prossima soluzione di fascia alta da gaming che a questo punto potrebbe avere 18432 Core CUDA e oltre 66 teraflop a precisione singola. Quanto alla produzione, appare ormai confermato il processo produttivo a 5 nanometri, con la realizzazione dei chip affidata a TSMC.

NBMINER SBLOCCA IL POTENZIALE DI MINING SULLE NUOVE GPU LHR
Per i miners arrivano importanti novità sull’attuale generazione di schede video NVIDIA con limitatore dell’hashrate. Il noto software per il mining NBMiner infatti, ha raggiunto la sua nuova versione 39.0 che sblocca, stando al changelog, fino al 68% delle originali capacità di calcolo sull’algoritmo ethash. Benché non si tratti di prestazioni eccezionali come quelle registrate sulle schede video originarie, siamo comunque di fronte ad un notevole guadagno rispetto alla cospicua riduzione operata sulle schede video LHR. Occorre però sottolineare che questo balzo dal 50% al 68% può avvenire esclusivamente sotto ethash e nessun altro algoritmo risulta attualmente supportato da tale miglioramento. Questo seppur limitato passo in avanti potrebbe spingere qualche miner amante del rischio a provare le nuove schede video, ma sicuramente non dovrebbe costituire un reale problema per la ridotta offerta attualmente presente sul mercato.

NVIDIA GEFORCE RTX SERIE 40, AVVIO PRODUZIONE DI MASSA A METÀ 2022?
Sembra che Marzo sia il mese preferito dal CEO di Nvidia come mese di lancio delle GPU. Sembra (ma stento a credere) che si stiano organizzando per una produzione di massa già da Marzo 2022 per affrontare il lancio della nuova gamma entro la metà del 2022 (forse è anche per questo che la serie 30 continua ad uscire con il contagocce?), rendendole così disponibile entro fine 2022.

IL CEO JENSEN HUANG TEME PROBLEMI DI FORNITURA DELLE GPU RTX 30 PER TUTTO IL 2022
Mentre si continua a discutere del futuro in casa NVIDIA, nello specifico delle schede NVIDIA GeForce RTX Serie 40, il CEO del colosso verde Jensen Huang ha dichiarato durante una recente chiamata con gli investitori che i vincoli nella fornitura dell’attuale generazione di schede video potrebbe durare per tutto il 2022. Le dichiarazioni rilasciate da parte di Jensen Huang sono chiare: sebbene la piattaforma GeForce RTX basata su architettura Ampere sia a oggi la più venduta nella storia di NVIDIA, sembrerebbe che la maggioranza dei giocatori fedeli al team verde sia ancora ferma alle vecchie GeForce GTX e GeForce GT a causa della mancanza di unità sul mercato. La speranza della società, e ovviamente anche degli utenti stessi, è quella di vedere miglioramenti nella situazione del mercato il più presto possibile, ma secondo il CEO di NVIDIA allo stato attuale sarà difficile notare cambiamenti positivi: “La richiesta di RTX è abbastanza incredibile […] abbiamo e stiamo assicurando impegni di fornitura a lungo termine piuttosto significativi mentre ci espandiamo, ma mi aspetto che vedremo una fornitura limitata per la stragrande maggioranza del prossimo anno, questa è la mia ipotesi al momento”. Il problema resta dunque confinato ai gravi problemi nella fornitura degli elementi necessari a creare le ultime schede grafiche della serie GeForce RTX 30. Ciononostante, ci sono anche notizie positive per i videogiocatori: la bolla crittografica sembrerebbe finita. NVIDIA ha infatti comunicato che nel secondo trimestre del 2021 circa l’80% delle spedizioni di GPU d’ultima generazione è andata nelle mani dei giocatori, tutto ciò grazie all’introduzione della gamma LHR che limita l’hash rate depotenziando la scheda grafica in ambito mining. Nel mentre, l’amministratore delegato e fondatore di NVIDIA Jensen Huang ha ricevuto il premio Robert N. Noyce, riconoscimento attribuito per il contributo dato da Huang all’industria dei semiconduttori e dei computer.

Lascia un commento

Elemento aggiunto al carrello.
0 items - 0,00